Viaggio nel tempo nell’Italia medievale in questa colorata festa a Mondaino

Viaggio nel tempo nell'Italia medievale in questa colorata festa a MondainoOGNI AGOSTO, I 1.400 abitanti del villaggio collinare di Mondaino in Italia accolgono oltre 20.000 persone per il rinomato festival medievale, il Palio del Daino . Per quattro giorni questa piccola città, situata a 25 miglia a sud-ovest di Rimini, viaggia indietro nel tempo centinaia di anni, offrendo ai suoi numerosi visitatori un’esperienza medievale come nessun’altra.

Il festival del Palio del Daino ricrea l’intenso periodo storico del XV secolo in modo così dettagliato che è stato riconosciuto dal Consorzio europeo di rievocazione storica . Un’era dominata da aspre dispute tra Marche e Romagna sulla proprietà della terra poi infine risolta con un accordo di pace concluso nel 1459, che pose fine alle dure condizioni di vita, alle alte tasse e alla carestia dei residenti. Il patto fu firmato vicino alla città agricola di Mondaino e fu celebrato dalla popolazione locale con giochi e festeggiamenti, rimesso in scena fino ad oggi attraverso il festival del Palio del Daino.

L’atmosfera

Viaggio nel tempo nell'Italia medievale in questa colorata festa a MondainoFoto: Palio del Daino / Facebook

I vicoli e le strade di Mondaino sono fiancheggiati da fabbri, armaioli, artigiani che fabbricano archi e archibugi, ceramisti, tintori e tessitori. Signore, signori e bambini sono vestiti da capo a piedi in costumi medievali. E se ciò non bastasse, tutte le sere, le strade sono animate da dozzine di attori, menestrelli, giocolieri, streghe e musicisti per intrattenere locali e visitatori. Spesso vi sorprenderete a meraviglia degli uomini sui trampoli mentre si intrecciano tra la folla o gli acrobati che mantengono la loro astuzia e concentrazione senza rompere il personaggio nonostante le centinaia di occhi che seguono ogni loro mossa. Quando l’orologio segna la mezzanotte, i mercati chiudono e la festa continua nella piazza principale fino alle prime ore del mattino.

Il Gioco

Viaggio nel tempo nell'Italia medievale in questa colorata festa a MondainoFoto: Palio del Daino / Facebook

Il Palio del Daino, che significa “il vincitore del cervo”, coinvolge quattro quartieri, Castello, Borgo, Montebello e Contado, che si sfidano tra loro sotto forma di giochi, sfide e battaglie nel corso della festa. Le squadre si sfidano ogni sera nella piazza principale con giochi di sbandieratori e giocoleria, ma l’ultimo giorno è quando la competizione per il Palio del Daino si riscalda davvero.

L’ultimo giorno della festa si giocano tre partite per determinare il quartiere vincitore. La prima sfida, la disfida de li balestrieri (la battaglia degli arcieri), vede un membro di ogni quartiere avere due tentativi di sparare un bersaglio a volo di toro nella piazza principale. Il quartiere con il punteggio più alto detiene quindi il vantaggio sulla sfida successiva, la corsa delle oche. Vincere la gara di tiro con l’arco permette al quartiere di avere la precedenza nella scelta dell’oca, che poi guiderà il più velocemente possibile attraverso la strada principale e nella piazza principale utilizzando solo le mani e le voci. Il quartiere che vince la corsa delle oche ha poi il vantaggio per la terza e ultima sfida, lo giuoco de lo palio (il gioco per il premio). Per il gioco finale del festival, ogni quartiere entra in una squadra composta da due membri ciascuno. Utilizzando lo stesso formato delle sedie musicali, i quattro rioni si sfidano in tre turni di eliminazione, lottando per occupare le basi, simili a quelle usate nel baseball, fino a quando un vincitore viene incoronato “Palio del Daino”.

La festa

Viaggio nel tempo nell'Italia medievale in questa colorata festa a Mondaino

Foto: Palio del Daino / Facebook

Ogni quartiere (o contrada) gestisce anche un’osteria, dando la possibilità di gustare piatti tradizionali della metà del XV secolo come zuppe, tagliatelle con funghi porcini e lenticchie, costolette, stinchi e rastrelliere di agnello, assortimenti di frutta e formaggi, infinite quantità di vino, e birra. Le famiglie locali si riuniscono, lavorando 24 ore su 24 per preparare il cibo in offerta.

La città di Mondaino

Viaggio nel tempo nell'Italia medievale in questa colorata festa a MondainoFoto: cristian ghisla / Shutterstock

Situato a 30 minuti di auto a sud-ovest dal capoluogo di provincia, Rimini, Mondaino è un ottimo punto di partenza per sfuggire alla vita delle città di mare. Affacciato sul mare Adriatico, con dolci colline, profonde e verdi vallate, è facile capire perché i riminesi sembrano così contenti della loro piccola città. Anche se il Palio del Daino in agosto è senza dubbio l’evento principale di Mondaino, la città ospita anche altre feste ed eventi durante il resto dell’anno. La sagra dei formaggi e dei tartufi a novembre invita gli artigiani a presentare i loro migliori formaggi e tartufi per due domeniche consecutive. Nella via principale sono aperti ristoranti, bar e bancarelle, che offrono ai visitatori la possibilità di degustare, acquistare e sperimentare i prodotti locali. La Camminata di Primavera in aprile incoraggia la gente del posto e i visitatori a partecipare ad una piacevole passeggiata di tre ore attraverso le valli circostanti, abbracciando l’arrivo del periodo più caldo dell’anno, prima di tornare nella piazza principale, dove si può gustare un pranzo appena preparato che viene fornito dal bar locale.

Nel 2019 il Palio del Daino si svolgerà dal 15 al 18 agosto. La quota di iscrizione è di 8 euro il giovedì, venerdì e sabato e 10 euro la domenica. L’ingresso è gratuito per i bambini e ragazzi fino a 14 anni. Gli eventi giornalieri iniziano alle 17:00 e terminano a mezzanotte.

Sorgente:  Matadornetwork.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *